Blog

Può bastare l’attività sportiva per apprendere il teamwork come Life skill?

Il teamwork è oggi considerato una delle abilità più importanti da acquisire tra le life skills. Sappiamo che tale competenza è alla base di tutti gli sport di squadra. I contesti educativi, in particolare l’educazione fisica a scuola, possono svolgere un ruolo essenziale per la sua acquisizione e per la trasferibilità di tale abilità dal gioco di squadra ai contesti di vita personale dei giovani. Il teamwork viene sempre utilizzato in tutti gli aspetti della vita, sia personali che professionali.
Considerando l’allenatore come boss, i compagni di squadra come collaboratori, il gioco come lavoro, gli sport giovanili offrono una sfida e un ambiente adeguati all’età per sviluppare questa abilità per il futuro in modo più agevole e divertente.
Tuttavia, la semplice partecipazione all’attività sportiva può essere un fattore benefico, ma insufficiente, per promuovere lo sviluppo positivo del teamwork. Nella relazione educatore-studente, il modo in cui gli insegnanti percepiscono il valore dello sport e come trasferiscono questa percezione nell’educazione fisica dovrebbe emergere in ogni percorso.

Tre diverse metodologie possono essere osservate nei contesti sportivi:
– Il concetto di “Education for Sport”(EFS) che ha l’obiettivo principale di sviluppare competenze in termini di prestazioni sportive. Questo approccio affronta il miglioramento delle abilità legate allo sport stesso. Pertanto, il suo scopo è solo quello di servire lo sviluppo delle competenze individuali per migliorare le prestazioni fisiche. L’EFS è normalmente correlata a diverse discipline degli sport agonistici. Questo concetto, pertanto, ha un interesse limitato in contesti per esempio di educazione non formale.
– Il concetto dell’ “Education by Sport” (EBS), che si collega al concetto di “sport per tutti”, è un processo più complesso e comprende obiettivi specifici come l’obiettivo di affrontare i problemi di salute e benessere. L’obiettivo è quindi quello di conciliare gli obiettivi sportivi e il benessere della società. Praticando diversi sport, ci si aspetta che le persone imparino di più su stili di vita sani e in questo modo aumentino la consapevolezza verso queste questioni.
– L’ “Education through sport” (ETS) è un approccio più profondo in termini di obiettivi e risultati previsti e utilizza una prospettiva olistica. Questo approccio consiste nell’integrazione e implementazione di elementi sportivi da utilizzare a scopo educativo per affrontare un problema sociale, sviluppare competenze sociali e arrivare ad una trasformazione sociale duratura. L’ETS richiede molti elementi che utilizzano lo sport e l’esercizio fisico al fine di favorire un forte risultato dell’apprendimento permanente come il miglioramento della tolleranza, della solidarietà o della fiducia tra le persone. Da un punto di vista metodologico, l’ETS consiste nell’adattare gli esercizi sportivi e di attività fisica agli obiettivi del progetto di apprendimento pianificato che sviluppa abilità sociali. L’ETS è strettamente collegato al ciclo di apprendimento esperienziale di Kolb (Kolb 1984). L’esperienza è la fonte dell’apprendimento e dello sviluppo. Nell’ETS l’esperienza concreta è l’attività sportiva (o fisica) adattata agli obiettivi di apprendimento del programma. I partecipanti all’esperienza riflettono insieme in un processo di debriefing guidato, dopo di che passano da soli il cambiamento e saranno in grado di utilizzare le nuove competenze apprese.
Infine, l’ETS è il modello che può principalmente affrontare la questione sociale, evolvere le competenze individuali e sviluppare la trasformazione sociale.
Gli allenatori stessi comprendono che le abilità personali e sociali non vengono acquisite automaticamente dalla partecipazione sportiva. È necessario compiere ulteriori sforzi per sostenere gli insegnanti delle scuole superiori nella fornitura di nuovi programmi educativi, orientati allo sviluppo delle abilità sociali dei loro studenti.

https://www.sportopensschool.eu/
https://www.moveandlearn.org/files/Move&Learn.pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 − quattro =